oggi è Martedì, 21 Nov 2017
   
Messaggio
  • UE - Direttiva e-Privacy

    Questo sito utilizza cookies per gestire le autenticazioni, la navigazione, e per altre funzioni con fini statistici. Utilizzando il nostro sito accetti il fatto che possiamo caricare questo tipo di cookies nel tuo dispositivo. In mancanza di accettazione alcune funzioni potrebbero non funzionare correttamente.

    Visualizza Documenti sulla Direttiva UE e-Privacy

consiglio fusioneIL CONSIGLIO COMUNALE FAVOREVOLE AL REFERENDUM PER LA FUSIONE DI CAMMARATA E SAN GIOVANNI GEMINI
E’ stata approvata dalla maggioranza dei Consiglieri Comunali di Cammarata, la proposta sull’indizione del Referendum per la fusione dei due Comuni di Cammarata e San Giovanni Gemini. Favorevoli quasi tutti i Consiglieri, sia di maggioranza che di opposizione, i quali hanno espresso positivi consensi su questo progetto, che porterebbe alla nascita del più grande Comune dei Monti Sicani.
Si aspetta adesso l’esito del Consiglio Comunale di San Giovanni Gemini, per la prosecuzione dell’iter burocratico.
Ovviamente la parola spetta ai cittadini, che si dovranno pronunciare se sarà indetto il referendum.
Già in passato, vi è stato un precedente tentativo di fusione, ne dà testimonianza un atto deliberativo del 1927 con il quale l’allora Podestà Dott. Vincenzo Viola, rispondeva alla richiesta del Prefetto sulla possibilità dell’unione. Ma a causa di accanite resistenze da parte di oppositori sia di Cammarata che di San Giovanni, l’unificazione non avvenne.
La separazione del territorio di San Giovanni da quello di Cammarata fu voluta dal Conte Ercole Branciforti nel 1587, che apposito documento delimitò i nuovi confini.
Chissà se adesso i tempi sono maturi, per ricongiungere dopo 430 anni le due comunità.