oggi è Martedì, 21 Nov 2017
   
Messaggio
  • UE - Direttiva e-Privacy

    Questo sito utilizza cookies per gestire le autenticazioni, la navigazione, e per altre funzioni con fini statistici. Utilizzando il nostro sito accetti il fatto che possiamo caricare questo tipo di cookies nel tuo dispositivo. In mancanza di accettazione alcune funzioni potrebbero non funzionare correttamente.

    Visualizza Documenti sulla Direttiva UE e-Privacy

allevamenti bovini ed ovini di Cammarata, è stato il Direttore Generale dell’ Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Sicilia dott. Santo Caracappa, il quale nel suo intervento, ha riportato i dati sui controlli che vengono effettuati sul patrimonio zootecnico regionale che si aggira sul milione e 500 mila capi. Tra tutte le province, quella meno infetta di brucellosi e il territorio agrigentino, grazie ai seri controlli effettuati dai vari organismi periferici. Il Direttore Generale si è congratulato con i responsabili veterinari per il meticoloso lavoro che svolgono ed ha incoraggiato i diversi allevatori presenti a continuare nella produzione di quelle che sono le vere eccellenze del territorio.
A ribadire la sicurezza dei prodotti di Cammarata, sono stati anche i rappresentanti dell’ASP 1 di Agrigento : il Direttore Generale Dr Salvatore Lucio Ficarra, il Dr Salvatore Cuffaro - Direttore del Dipart. di Prevenzione Veterinario, ed il  Dr Lorenzo Alfano del Servizio Igiene Produzione Commercializzazione Prodotti Lattiero Caseari. Il vicesindaco di Cammarata, geom. Giuseppe Bastillo, ha espresso pieno sostegno dell’Amministrazione Comunale, ad iniziative come questa, tendenti a limitare i danni provocati dalla cattiva informazione.
La notizia che aveva creato non poca preoccupazione sia per la salute ma anche per l’economia locale basata principalmente sull’agricoltura e zootecnia, era stata l’individuazione di due capi bovini non di latte, provenienti da altra provincia, ma che grazie alla puntuale attività dell’Ufficio Veterinario, sono stati immediatamente eliminati. In ogni caso si trattava di bovini non da latte, e di conseguenza nessuna preoccupazione per formaggi e latticini.
Nel confermare che nel territorio montano tutti gli allevamenti continuano ad essere ufficialmente indenni da brucellosi, i Sindaci Vincenzo Giambrone e Carmelo Panepinto invitano tutti a recarsi in Montagna per continuare a gustare le bontà del territorio.
A conclusione del convegno è stata offerta una degustazione di formaggi e ricotta a tutti i partecipanti per sottolineare la sicurezza e genuinità dei prodotti.