oggi è Martedì, 21 Nov 2017
   
Messaggio
  • UE - Direttiva e-Privacy

    Questo sito utilizza cookies per gestire le autenticazioni, la navigazione, e per altre funzioni con fini statistici. Utilizzando il nostro sito accetti il fatto che possiamo caricare questo tipo di cookies nel tuo dispositivo. In mancanza di accettazione alcune funzioni potrebbero non funzionare correttamente.

    Visualizza Documenti sulla Direttiva UE e-Privacy

grazie ad una recente lettera pervenuta al Comune di Cammarata da parte di una associazione che ricerca i parenti delle vittime di quel genocidio.
Coincidenza o destino, a ricevere questa lettera è stato un pronipote: l’attuale Sindaco Vincenzo Giambrone. Filippo Coniglio era infatti fratello di suo nonno materno Antonino Coniglio.
Anche il Vicesindaco Giuseppe Bastillo è coinvolto in questa vicenda, essendo anche lui nipote del nonno materno Antonino Coniglio, ed è per questo che ha subito contattato l’Associazione per fornire le notizie in suo possesso ed avere ulteriori particolari su questa triste storia della sua famiglia.
E’ la mamma del Sindaco Giambrone, la signora Ausilia Coniglio, quasi novantenne, che con commozione ci racconta di questo suo zio al quale era molto affezionata.
Primogenito di tre figli, Filippo, nato a Cammarata il 14 aprile 1895, era un Agente scelto di Pubblica Sicurezza in servizio a Firenze, città nella quale conosce e sposa Berta Barbieri.
Non avendo figli, chiese insistentemente a suo fratello Antonino, di affidargli la sua nipote prediletta Ausilia. Il desiderio fu esaudito, ed Ausilia dall’età di 5 anni si trasferì a Firenze dalla zia Bertina e zio Filippo, dove frequentò le scuole elementari.
Lo zio Filippo, amante della musica e bravissimo strumentista, volle trasmettere questa sua passione alla nipote facendole studiare pianoforte. Divenne ben presto padrona dello strumento, tanto da partecipare a vari concorsi musicali e vincere diversi premi. A nove anni Ausilia ritorna dai genitori a Cammarata, ma i contatti con gli zii si mantengono costantemente attraverso lettere. Durante la seconda guerra mondiale, Filippo ed altri militari furono catturati ed imprigionati dai partigiani. Solo l’Arcivescovo di Firenze, dopo tantissimi giorni di insistenza, fu autorizzato a portare viveri e vestiti a quei prigionieri. In quella circostanza si seppe però che Filippo ed altri suoi compagni non erano più in detta prigione, perché trasferiti altrove.
Il 16 giugno 1945, il capo della questura di Fiume, dott. Amato, venne fucilato nel campo di Grobnico insieme ad altri 50 agenti di polizia e tra essi Filippo Coniglio.
Tali Caduti vennero massacrati in spregio di ogni convenzione e consuetudine internazionale perché il conflitto era formalmente terminato. La sola incertezza sulla sorte di quei Martiri riguarda i dettagli della fine cui vennero costretti dagli assassini, per la maggior parte fucilati presso l’aeroporto di Grobnico, ma altri scomparvero nell’inferno dei campi jugoslavi, ed alcuni probabilmente infoibati.
In questa giornata, il Comune di Cammarata, vuole ricordare, i suoi concittadini Emanuele Bongiovanni e Filippo Coniglio, e tutte quelle persone perite per difendere la pace e libertà della Nazione, principi indelebili sanciti dalla nostra Costituzione.