oggi è Giovedì, 23 Nov 2017
   
Messaggio
  • UE - Direttiva e-Privacy

    Questo sito utilizza cookies per gestire le autenticazioni, la navigazione, e per altre funzioni con fini statistici. Utilizzando il nostro sito accetti il fatto che possiamo caricare questo tipo di cookies nel tuo dispositivo. In mancanza di accettazione alcune funzioni potrebbero non funzionare correttamente.

    Visualizza Documenti sulla Direttiva UE e-Privacy

consiglio comunale luglio 2015Il Consiglio Comunale approva riduzioni e agevolazioni sulla Tassa Rifiuti
Raffica di agevolazioni tributarie approvate nella scorsa seduta del Consiglio Comunale di Cammarata.
In un periodo di crisi finanziaria e di riduzioni dei trasferimenti erariali, il Comune di Cammarata, quasi in controtendenza con altri Enti Pubblici , invece di aumentare le tasse, le diminuisce, o addirittura le esenta. E’ questa la decisione presa dalla nuova Amministrazione Comunale guidata dal Sindaco Dr. Vincenzo Giambrone, per venire incontro alle gravi difficoltà economiche dei cittadini.
Per attuare quanto stabilito, l’Assessore alle Finanze Dr. Alfonso Di Piazza, si è messo subito a lavoro per trovare delle opportune soluzioni, e dopo aver attentamente analizzato i dati contabili di bilancio, ha ritenuto possibile concedere alcune riduzioni, non arrecando notevoli stravolgimenti al bilancio Comunale.
“Conosco bene la situazione del Comune di Cammarata per la mia passata esperienza sempre come Assessore al Bilancio – ha dichiarato il dott. Di Piazza - i problemi sono sempre gli stessi anzi sono aumentati. Dover gestire un Comune, seppur piccolo, ma sul quale gravano tantissimi servizi indispensabili è sempre più difficile avendo a disposizione esigue risorse finanziarie, accentuate dai minori trasferimenti da parte del Governo Renzi e del Governo Regionale di Rosario Crocetta”.
“Non ho una ricetta miracolosa per trovare soluzioni soddisfacenti – aggiunge - penso solo che questi problemi possono essere risolti adottando delle semplici e vecchie regole: Lotta all’evasione e tagli agli sprechi con un controllo oculato della spesa. Di conseguenza sarà possibile ridurre il carico fiscale specialmente alle fasce più deboli della cittadinanza”.
La proposta di modificare alcuni articoli al regolamento TARI (Tassa sui Rifiuti) è approdata nell’aula consiliare e dopo diversi interventi da parte dei vari raggruppamenti politici, è stata approvata con i voti della maggioranza.
La minoranza non ha votato favorevolmente in quanto ha manifestato forti dubbi sulla corretta applicazione delle agevolazioni così come sono state proposte.
Ecco in dettaglio quali sono le agevolazioni approvate:
Adozione di un cane: Chi adotta un cane prelevato dal Canile convenzionato con il Comune, avrà una esenzione della tassa sui rifiuti per il primo anno, fino ad un massimo di €.500. Questa agevolazione farà risparmiare il costo medio annuo di €.1.800 che il Comune paga per ogni cane ricoverato.
Abitazioni dei cittadini non residenti: Per gli immobili nei quali non risulti alcun soggetto residente, per gli alloggi di cittadini residenti all'estero iscritti all'A.I.R.E. (“utenze domestiche non residenti” ed “utenze domestiche A.I.R.E.”), ai fini del pagamento della Tassa sarà considerato come se la casa sia occupata da una sola unità.
Soggetti ultra-sessantacinquenni soli e con basso ISEE: Per le abitazioni con un unico occupante con età non inferiore ad anni 65 avente un calcolo ISEE non superiore ad € 7.500,00 si applica una ulteriore riduzione del 20%.
Riduzione del 20% alle Ditte che assumono un dipendente: Alle ditte, aziende, attività commerciali e artigianali presenti nel territorio comunale ed iscritte nelle liste di carico della TA.RI. si applica una riduzione del 20% sull’importo totale della tariffa, se assumeranno almeno un dipendente.
Inoltre, considerato che la tassa sui rifiuti, risulta particolarmente gravosa per alcune specifiche categorie (ristoranti, trattorie, pizzerie, pub, bar, pasticcerie, ortofrutta , generi alimentari, ecc.), la cui presenza sul territorio comunale va salvaguardata, costituendo tali attività uno dei principali elementi del tessuto produttivo e dell’economia, il Consiglio Comunale ha deciso altresì di ridurre la tassa, compartecipando al pagamento della stessa con fondi comunali per un importo complessivo di € 45.414,47.
Ma la vera sorpresa l’avranno tutte le famiglie nella prossima bolletta della TARI che sarà ridotta di circa 60 euro. Questa agevolazione è stata possibile in quanto il costo di gestione per il 2015 è diminuito.