oggi è Martedì, 21 Nov 2017
   
Messaggio
  • UE - Direttiva e-Privacy

    Questo sito utilizza cookies per gestire le autenticazioni, la navigazione, e per altre funzioni con fini statistici. Utilizzando il nostro sito accetti il fatto che possiamo caricare questo tipo di cookies nel tuo dispositivo. In mancanza di accettazione alcune funzioni potrebbero non funzionare correttamente.

    Visualizza Documenti sulla Direttiva UE e-Privacy

Incontro Sindaco Giambrone Enel terna PDF Stampa E-mail
Lunedì 03 Agosto 2015 11:40
Il Sindaco Giambrone incontra Enel-Terna per lo spostamento dell’elettrodotto di Santa Maria
Si è tenuto nei giorni scorsi un incontro tra il Sindaco di Cammarata Dr. Vincenzo Giambrone e l’Arch. Pietro Vicentini, Responsabile del Centro-Sud Italia, per la Enel – Terna, per lo spostamento dei tralicci dell’alta tensione insistenti nella zona “S.Maria”. Detti tralicci attraversano sia il territorio di Cammarata sia quello di S. Giovanni Gemini, creando legittima preoccupazione degli abitanti per possibili inquinamenti elettromagnetici. All’incontro hanno partecipato anche l’Arch. Pietro Madonia, Dirigente dell’Ufficio Tecnico Comunale, e un ingegnere per la Enel – Terna.
Il Sindaco Giambrone, ha esposto l’urgente ed indifferibile necessità di definire lo spostamento dei tralicci in argomento, in rispetto al “Protocollo di intesa” sottoscritto dal Comune di Cammarata e dalla Terna S.p.A. nel 2011.   Ho fatto rilevare – ha dichiarato il Primo Cittadino – la crescente preoccupazione dei cittadini provocata dalla presenza di questi ingombranti oltre che inquinanti tralicci. Debbo riconoscere pubblicamente – aggiunge – che ho riscontrato grande disponibilità dell’Arch. Vicentini, il quale mi ha illustrato l’iter della travagliata pratica, assicurandomi che i tralicci saranno spostati a valle, tra il confine di Cammarata e quello di Vallelunga /Villalba.
Si prevede che i lavori dovrebbero completarsi entro il prossimo anno, perchè si è in attesa del parere VIA (Valutazione Impatto Ambientale) che dovrà esprimere il Ministero dell’Ambiente. Per poter avviale i lavori inoltre, occorrono altri adempimenti e precisamente: Parere del Ministero dei Beni Culturali; Decreto di Compatibilità Ambientale; Conferenza dei servizi presso il Ministero dello Sviluppo Economico; Decreto di autorizzazione alla costruzione ed Esercizio per gli elettrodotti.
E’ del tutto evidente – ribadisce il Sindaco Giambrone – che l’iter della pratica si presenta assai articolato ma ci siamo impegnati, ciascuno per il proprio ruolo, a seguire la e sollecitarne la soluzione in tempi più brevi possibili. Sarà mia cura fare da pungolo e non mollare fino all’ottenimento delle autorizzazioni predette. Man mano si avranno notizie, ne darò comunicazione.